Vaporiera: scopri quanto è gustoso mangiar sano

Per gli amanti del mangiar sano e leggero, la vaporiera è quanto di meglio si possa avere. In questo portale mi occuperò delle varie tipologie, dei modelli, le aziende produttrici e i costi. Cercheremo di darvi quante più informazioni possibili per avere una visione di insieme e fare un acquisto azzeccato.
I benefici della cottura a vapore sono molteplici. Vediamo insieme quali sono e perché l’acquisto di una vaporiera potrebbe cambiare il tuo modo di alimentarti.
La cottura a vapore avviene grazie al calore del vapore acqueo che, entrando in contatto con i cibi, li cuoce delicatamente, mantenendone integre le proprietà nutritive. Ma prima di parlare dei vantaggi che offre la cottura a vapore, vediamo qual è la struttura e i materiali che compongono una vaporiera.

 

Come usare la vaporiera

vaporieraInizio con l’illustrarti tutte le componenti di una vaporiera.
La base: è la componente più importante in quanto è proprio qui che va inserita l’acqua che viene riscaldata e fatta fuoriuscire sotto forma di vapore. Tutto ciò avviene grazie ad una resistenza e ad un erogatore di vapore. Nella base abbiamo anche il pannello di comando, che ti permette di impostare la vaporiera.
Il vassoio: questo va posto sopra la base ed ha un foro che permette la fuoriuscita del vapore. Inoltre raccoglie la condensa che si forma all’interno della vaporiera.
Il cestello: questo va collocato sopra il vassoio. la sua base è ricca di fori che permettono il passaggio del vapore e il drenaggio della condensa. È proprio qui che vanno poggiati i cibi. A seconda del modello il cestello può essere unico o averno due o tre. Nel caso di più cestelli, questi, anch’essi con la base traforata, vanno collocati sopra il cestello: i fori faranno passare il vapore in modo da permettere la cottura in tutti i livelli.
La base per riso: questa invece non è traforato poiché il riso per cuocersi deve assorbire l’acqua.
Il coperchio: questo serve a chiudere il cestello o la vaschetta per il riso. Assicura che il vapore non fuoriesca dalla vaporiera. È dotato di fori per l’areazione.
Una volta messa l’acqua nell’apposito contenitore e inserito il vassoio e il cestello, potrai mettere le tue pietanze all’interno, mettere il coperchio e azionare la vaporiera.

 

Migliore vaporiera

In realtà è difficile acquistare una vaporiera e rimanere delusi. In generale, tutti i modelli presenti sul mercato svolgono bene il loro lavoro. È anche vero che alcuni modelli hanno delle specifiche tecniche rispetto ad altre, come ad esempio la potenza del motore, la capienza del serbatoio.

Qui però trovi alcuni dei migliori modelli in assoluto in termini di rapporto qualità prezzo:

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile 2024 4:10

 

Quali sono i parametri da tenere in considerazione

Data la struttura semplice della vaporiera, i parametri da tenere in considerazione sono pochi. Se però l’uso della vaporiera è intensivo, allora ti consigliamo di acquistarne una con un motore potente, da circa 1800 watt e con una capienza da circa 10 l. Vaporiere un po’ più avanzate, hanno anche dei programmi impostabili che permettono una cottura più veloce per preservare le vitamine.

 

Vaporiera elettrica: l’innovativa

La vaporiera elettrica è sicuramente il modello più venduto. Il suo successo è dovuto soprattutto alla sua facilità di utilizzo. Ti basterà infatti versare l’acqua nell’apposito contenitore, inserire i cibi nell’apposito cestello e avviare la cottura. In alcuni casi la pulizia è resa ancora più facile grazie alle componenti lavabili in lavastoviglie.

 

Vaporiera gas: la tradizionale

Per vaporiera a gas si intende la vaporiera composta da una pentola con annessi cestelli, il tutto in acciaio inox. Questa vaporiera, non essendo elettrica, ti fa sicuramente risparmiare sulla bolletta, ma è difficile far mantenere una temperatura costante. Inoltre non vi è l’opportunità di impostare programmi per diversi tipi di cottura, come ad esempio quello che permette una maggior conservazione delle vitamine.

Vaporiera di bambù

Questa vaporiera, realizzata in legno di bamboo, va adoperata con l’ausilio di una normale pentola che però deve avere lo stesso diametro della vaporiera. Il procedimento da seguire è molto semplice: una volta posizionate le pietanze nella vaporiera, ti basterà appoggiarla sulla pentola in cui è stata precedentemente fatta bollire l’acqua.

Vaporiera microonde

La vaporiera a microonde è anch’essa molto semplice da utilizzare. È composta da un contenitore, una base estraibile traforata e un coperchio. Ti basterà inserire la giusta quantità di acqua, inserire il cestello con le pietanze e metterla nel microonde. L’azione delle microonde riscalderà sia l’acqua che gli alimenti che in questo modo si cuoceranno in maniera più rapida.

Vaporiera in vetro

In realtà la vaporiera in vetro è una normale vaporiera, che può essere sia elettrica che funzionare sul fornello a gas. In questo caso i cestelli sono in vetro Pyrex, adatto ad essere portato ad alte temperature. Il vetro ha la proprietà di essere particolarmente facile da pulire e soprattutto, molto igienico

Vaporiera silicone:su di essa, sia in pentola che in microonde

Queste vaporiere, sono appunto realizzate in silicone. Si possono utilizzare sia in pentola, pogiando la parte traforata direttamente , o al microonde, utilizzando l’apposita base. Il funzionamento è pressoché identico alla vaporiera a gas e a quella a bamboo.

Vaporiera piccola

Se non hai lo spazio per tenere una vaporiera elettrica, potresti optare per le succitate opzioni. Infatti, le vaporiere in bamboo, quelle in silicone, quelle per microonde o quelle a gas, occupano sicuramente meno spazio.

Vaporiera acciaio inox

Vogliamo fare un piccolo approfondimento sulle vaporiere in acciaio inox, in quanto sono forse le vaporiere più utilizzate. Sono tante le aziende che producono questa tipologia di pentole, come la Lagostina e Barazzoni. I modelli per cui optare sono diversi. Potete scegliere il modello più semplice che consiste in un cestello in acciaio inox adattabile alla vostra pentola. Se invece volete un sistema più completo, a due o tre ripiani, allora dovete optare per una vaporiera completa in acciaio inox. Questa infatti nasce in modo tale da incastrare perfettamente tutti i pezzi in moda da avere una minore dispersione di vapore.

Vaporiera professionale

In realtà non esiste una vaporiera professionale. Ci sono alcuni modelli sicuramente migliori di altri, grazie alle specifiche tecniche più avanzate. Se parliamo di robustezza le vaporiere in acciaio inox sono quelle più resistenti: per romperle dovresti prenderle a martellate visto che non hanno nessun motore per il funzionamento. Se vuoi una vaporiera che ti permetta di cucinare un’abbondante quantità di cibo, puoi optare per una vaporiera con due aree di cottura, che ti offrono più ripiani in cui poter inserire il cibo. Tra i modelli con le migliori prestazioni abbiamo:

 

Le migliori marche

Le aziende produttrici di Vaporiere sono tante. Due su tutte sono la Philips e la Tefal, che offrono modelli con potenti erogatori di vapore e display digitale grazie al quale è possibile impostare il programma di cottura. Sul mio portale potrai trovare molti modelli di vaporiera sia Philip che Tefal, ma anche di altre marche. Eccoti una lista con i migliori marchi:

 

Perché cucinare a vapore è meglio?

Ti ho parlato dei modelli e delle marche. Abbiamo anche visto quali sono le componenti di una vaporiera. Ma perché dovresti acquistarne una?
Cucinare a vapore è la maniera più sana di cuocere i cibi. Vediamo perché.
Grazie alla cottura, che avviene in modo molto delicato, le qualità organolettiche dei cibi vengono meglio preservati. Ciò avviene non solo per il sapore, ma anche per la consistenza e i colori. Questo tipo di cottura è molto indicato per carni delicate come quella del pollo e del pesce, ma soprattutto per le verdure. Invece non è adatta per carni rosse e bistecche, poiché tenderebbero a rimanere dure.
Questa cottura è molto adatta alle diete ipocaloriche, questo perché oltre a non esserci la necessità di aggiungere grassi durante la cottura, quelli già presenti negli alimenti sciogliendosi, finiscono nell’acqua di cottura, rendendo gli alimenti meno calorici.
Grazie alla bassa temperatura con cui vengono cotti i cibi, si evita la formazione di sostanze poco salutari, come invece avviene per la frittura o la brace.
Molte vitamine sono termolabili, cioè tendono a deteriorarsi per l’azione del calore. Con la cottura a vapore, questo processo viene di molto ridotto, preservando le qualità nutritive dei cibi.
Se pensi che la cottura a vapore sia poco gustosa, siamo qui per dirti che in realtà non è così. I modi per aromatizzare le pietanze sono tanti, soprattutto grazie alle spezie e alle erbe aromatiche. Oltre che a distribuirle sui cibi, potresti metterle in infusione nell’acqua che riscaldandosi, farà evaporare anche gli aromi.

Vaporiera: prezzi

Adesso che ti ho dato una visione generale di come funziona una vaporiera e i modelli, è arrivato il momento di parlare di prezzi. Da questo punto di vista ti vogliamo subito tranquillizzare. La vaporiera, infatti, è un elettrodomestico che non costa tanto. Il costo dipende da caratteristiche più o meno presenti, come la possibilità di impostare tipi di cottura. Modelli come la Clatronic DG 3665 e la Russell Hobbs 19270-56 hanno un prezzo molto contenuto.
Se hai già deciso il modello da acquistare, ti basterà cliccare sul modello da te scelto. In questo modo, sarai indirizzato alla pagina di vendita dove, oltre al prezzo, potrai visionare eventuali offerte e le recensioni dei clienti che hanno già acquistato il prodotto. A me non resta che augurarti buona navigazione.