Vaporiera elettrica: cucinare sano in modo pratico

vaporiera elettrica

La cottura a vapore è sicuramente uno dei metodi di cottura più sani poiché grazie alle temperature non eccessive, si riescono a conservare molti nutrienti, come le vitamine termolabili, che ad alte temperature andrebbero perse. Come ho accennato già sul nostro portale, gli strumenti per cuocere a vapore sono davvero tanti: si va dalla vaporiera a gas, a quella a microonde, passando per quella a bamboo. Tutte queste tipologie di vaporiera sono assolutamente valide, ma se parliamo di praticità, la vaporiera che più ti facilità la cottura a vapore è sicuramente la vaporiera elettrica. In questa pagina andremo a vedere come è strutturata una vaporiera elettrica, come si utilizza e quali sono i prezzi.

Prima di annoiarti con tutta la spiegazione sulle funzioni, le parti e l’utilizzo di una vaporiera, voglio portarti dritto al sodo, mostrandoti i migliori modelli di vaporiera elettrica.

Philips hd9150/00

Al primo posto c’è sicuramente lei, la Philips hd9150/00:, una vaporiera davvero formidabile. A farci intuire le numerose funzioni di questo modello è il pannello di comando completamente digitale. Questa vaporiera elettrica è dotata di infusore, timer con spegnimento automatico e indicatore digitale del livello dell’acqua.
Ma non è finita qui! Questa vaporiera io la definirei il non plus ultra delle vaporiere, grazie alla funzione di poter regolare timer e temperatura per ogni cestello. Questa funzione è ottima quando si preparano pietanze di diverso tipo allo stesso momento.

Vaporiera Moulinex Companion XF384B

A seguire abbiamo lei, la Moulinex Companion XF384B. In realtà non si tratta di una vaporiera “autonoma”. Si tratta dell’accessorio del ben noto Moulinex Companion che tra i suoi numerosi programmi ne ha uno proprio dedicato alla cottura a vapore. Questa Vaporiera spicca soprattutto per i materiali. Sia la scocca esterna che i cestelli sono in acciaio inox.

Russell Hobbs 19270-56

Finiamo in bellezza con la Russell Hobbs 19270-56, la vaporiera elettrica con il miglior rapporto qualità/prezzo. Ben 3 cestelli, timer analogico con spegnimento automatico e salva goccia. Quello che però mi è piaciuto più di tutti è il corpo con finitura in acciaio inox.

Vaporiere elettriche: la struttura

vaporiera elettrica struttura

Il particolare che sicuramente contraddistingue la vaporiera elettrica dalle altre vaporiere, è sicuramente il motore. Se infatti le altre vaporiere si avvalgono del gas o del microonde per scaldare l’acqua, la vaporiera elettrica fa tutto da sola. Ma andiamo a vedere nel particolare, quali sono le componenti di una vaporiera elettrica.
La base.
Questa può essere in diversi materiali, come plastica o acciaio. È la parte fondamentale della vaporiera elettrica, in quanto è proprio qui che si trovano il serbatoio, che può avere diverse capacità a seconda del modello e il generatore di vapore. Quest’ultimo è sicuramente la componente fondamentale della vaporiera elettrica, in quanto è proprio questa apparecchiatura che, portando ad ebollizione l’acqua, permette la formazione del vapore. Questo, tramite un apposito ugello, verrà fatto fuoriuscire, espandendosi in maniera uniforme in tutti i cestelli.
Il timer.
Il timer è installato proprio nella base. Tutte le vaporiere elettriche ne sono dotate e ti permette di impostare il tempo esatto per cui la vaporiera dovrà erogare il vapore. In questo, potrai impostare il tempo di cottura adatto ad ogni cibo, affinché questi sia cotto nel modo giusto, con la giusta consistenza, e con i nutrienti integri.
Il display.
Il display è solitamente presente nei modelli più avanzati. Questo optional ti permette di vedere il tempo trascorso. Se in alcuni modelli ha però questa funzione base, in altri è l’organo predisposto a fare impostare diversi tipi di cottura, come ad esempio quello predisposto alla conservazione delle vitamine.
Il vassoio raccogli-gocce.
Questo vassoio ha la funzione di raccogliere tutta la condensa che si viene a creare all’interno della vaporiera. Al centro del vassoio è presente l’ugello che consente la fuoriuscita del vapore.
L’infusore di aromi.
Questo innovativo sistema, collocato nel vassoio che ricopre la base, permette di aromatizzare i cibi. Come? Le spezie e gli aromi vengono inseriti all’interno del diffusore di aromi. Il vapore, passandogli attraverso, farà fuoriuscire tutti i sapori e, diffondendosi in tutta la vaporiera, andrà ad insaporire le pietanze.
Il cestello.
Il cestello è la parte predisposta ad accogliere i cibi. Ha la base traforata che permette sia il passaggio del vapore, che di sostanze, come ad esempio il grasso nella cottura delle carni. Il cestello della vaporiera elettrica può essere corredato anche di alcuni optional, come la ciotola per la cottura del riso, o vasetti in cui è possibile realizzare dei dolci. I cestelli, possono essere due, tre o quattro, dipende dal modello da te scelto.
Il coperchio.
Infine abbiamo il coperchio. Questo serve a chiudere il cestello. La sua funzione principale è quella di non far disperdere il vapore nell’ambiente, rendendo poco efficiente la cottura a vapore.

Come utilizzare la vaporiera elettrica

L’utilizzo della vaporiera elettrica è davvero molto semplice. Ecco quali sono i passaggi da seguire.

  • riempire il serabtoio con la quantità d’acqua indicata;
  • disporre i cibi all’interno dei cestelli, aromatizzarli e salarli a piacere;
  • chiudere il coperchio;
  • impostare il timer;
  • avviare la cottura.

Una volta finito il tempo da te impostato, la vaporiera si spegnerà automaticamente. La vaporiera elettrica reca nella sua confezione d’acquisto il libretto di istruzioni, dove sono indicate le quantità e i tempi di cottura delle pietanze più comuni. Se invece vuoi preparare pietanze gustose ma sane, allora ti consigliamo questi libri, che ti daranno sicuramente molti spunti per preparare pietanze belle da vedere e buone da mangiare.

Vaporiera elettrica in vetro, in plastica o in acciaio?

I cestelli della vaporiera possono essere realizzati in vetro, in plastica e in acciaio. Qual è la differenza? In realtà, in termini di cottura non cambia nulla. Le plastiche utilizzate sono solitamente di buona qualità, resistenti e lavabili in lavastoviglie. Per quanto riguarda il vetro e l’acciaio, non c’è bisogno di spiegazioni. Sono materiali assolutamente sicuri, igienici e molto resistenti. Per quanto riguarda le vaporiere elettriche, il materiale più utilizzato è proprio la plastica, anche se i modelli in vetro è in acciaio sono comunque presenti.

Vaporiera elettrica: prezzi

Abbiamo visto la struttura, i materiali e il funzionamento di una vaporiera elettrica. Adesso andiamo a toccare l’argomento caro a tutti. Quanto costa una vaporiera elettrica?
In generale, i prezzi delle vaporiere non sono mai eccessivi. Anche in questo caso si può star tranquilli, anche grazie alla varietà di vaporiere elettriche proposte. Per i modelli più semplici, si potrà spendere davvero poco. Più sono le funzioni e migliori i materiali, più il prezzo aumenta.
Se vuoi conoscere il prezzo di uno specifico modello, ti basterà cliccare sul link di cui è corredato. In questo modo sarai indirizzato alla pagina di vendita dove, oltre al prezzo, potrai visionare eventuali offerte e le recensioni dei clienti che hanno acquistati il prodotto. Inoltre, continuando la navigazione sul nostro portale, potrai conoscere le altre tipologie di vaporiera, e leggere le recensione dei modelli più acquistati.

Approfitta delle offerte che trovi qui sotto. Ti garantiscono il prezzo più basso:
Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2024 10:45